Salta al contenuto
Rss




Palazzo Prandina -Terzi - De Visart (Municipio)Il palazzo prende il nome dalle tre famiglie che si sono succedute nell’arco temporale di un secolo e cioè dal 1830/35 anno della sua edificazione da parte dell’avvocato Gaetano Prandina fino alla vendita fatta nel 1924 da parte di Enrico De Visart all’Amministrazione Comunale di Bogogno.
La famiglia Prandina si può annoverare tra le più importanti casate del borgo di Bogogno presente fin dalla fine del XVI secolo. L’avvocato Gaetano Prandina (1789-1835) fece costruire il prestigioso Palazzo nel centro di Bogogno, ma non era ancora stato completato quando morì nel luglio del 1835. Tutti i beni e le proprietà passarono alla figlia Antonietta che nel 1850 si maritò con il marchese Antonio Terzi, famiglia nobile originaria di Bergamo. Antonietta Prandina acquisì il titolo nobiliare di Marchesa in cambio del suo cospicuo patrimonio terriero e immobiliare, compreso il Palazzo di Bogogno. Lo stemma della Famiglia Terzi, aquila bicipide in nero e leone azzurro al naturale è raffigurato sulla volta dello scalone d’onore (oggi coperto dal soffitto costruito negli anni settanta).
Il Palazzo non fu quasi mai abitato tanto che nel 1889 Antonio Terzi, figlio di Antonietta, decise di vendere la tenuta e il palazzo di Bogogno alla contessa Maria Platamone di Lardaria, vedova del marchese Raffaele De Visart. Oltre al Palazzo furono vendute case coloniche, terreni, vigne e tutto ciò che era in loro possesso a Bogogno. Il figlio Enrico De Visart ereditò tutto il patrimonio alla morte della madre ed essendosi sposato con Margherita Natta, risiedeva a Pombia nelle proprietà della moglie. Il Palazzo di Bogogno venne quindi abitato poco anche da questa nobile famiglia e nel 1924 il Conte Enrico De Visart vendette al comune di Bogogno il Palazzo con rustico, cortile e giardino.
Il sindaco vi stabilì la sede degli uffici municipali e della scuola elementare (tre aule per piano); il Palazzo ospitava anche i locali per l’ambulatorio del Medico Condotto e quelli per l’abitazione della sua famiglia.
Durante gli anni settanta del novecento venne demolita la porzione lungo la strada rivolta ad occidente per creare una piazza prospiciente all’ala rimasta integra dall’originario palazzo.




Inizio Pagina Comune di BOGOGNO (NO) - Sito Ufficiale
Piazza Dottore Orazio Palumbo, 5 - 28010 BOGOGNO (NO) - Italy
Tel. (+39)0322.808805 - Fax (+39)0322.809942
Codice Fiscale: 00429660038 - Partita IVA: 00429660038
EMail: municipio@comune.bogogno.no.it
Posta Elettronica Certificata: bogogno@cert.ruparpiemonte.it
Web: http://www.comune.bogogno.no.it


|